Assistenza

Coordinatore Infermieristico:

Cristina Sessa
Telefono 033227830
e-mail: caposala.chirurgia1@ospedale.varese.it

L’assistenza infermieristica è garantita da diverse figure professionali e di supporto: Coordinatore infermieristico, Infermiere, Operatore Socio Sanitario e Ausiliario.

Il Coordinatore infermieristico risponde alla necessità di garantire la centralità del governo clinico inteso come miglioramento delle qualità delle cure per la persona attraverso lo svolgimento di funzioni specifiche;

L’infermiere si caratterizza per la capacità di individuare e rispondere, in modo appropriato ed efficace, ai bisogni di Assistenza Infermieristica della persona con problemi di salute a diversi livelli di complessità assistenziale in ambito chirurgico. L’infermiere esercita la propria professionalità e responsabilità in collaborazione ed integrazione con l’equipe multidisciplinare e multi professionale dell’unità operativa;

L’Operatore Socio Sanitario (OSS) è un operatore che svolge, in collaborazione con l’infermiere, attività indirizzate a soddisfare i bisogni primari della persona e ne favorisce il benessere e l’autonomia;

L’Ausiliario è un operatore che svolge attività indirizzate a garantire un adeguato standard alberghiero.

Il ricovero per l’intervento chirurgico presso l’Unità Operativa di Chirurgia Generale 1, avviene sempre più frequentemente mediante la modalità del prericovero.

Finalità del prericovero

L’attività del prericovero ha come obiettivo la preparazione del paziente all’intervento chirurgico, mediante l’esecuzione di esami diagnostici e strumentali, stabiliti da appositi protocolli. Ciò permette la riduzione del periodo di ricovero preoperatorio, con minor disagio per la persona e la famiglia. In pratica, durante una sola mattinata, è possibile essere sottoposto a tutti gli accertamenti necessari per affrontare un intervento chirurgico, compresa la visita chirurgica e quella anestesiologica. In questo modo è possibile essere ricoverati anche il mattino stesso dell’intervento, evitando una notte in Ospedale, con almeno due attesi risultati:
- riduzione dello stress emotiv
- minor incidenza di complicanze settiche, relative alla minor permanenza in ambiente ospedaliero: è noto infatti che la permanenza in ospedale è in grado di modificare, in senso negativo, la tipologia della flora batterica della cute.

Chi accede al prericovero

Tutte le persone appartenenti alla classe ASA 1-2-3 a cui, dopo una visita specialistica, viene posta un’indicazione chirurgica, verranno contattati telefonicamente dal personale infermieristico per fissare il giorno del prericovero. In questa sede verranno poste le indicazioni all'intervento chirurgico e all'anestesia (tipo e modalità), e pertanto è importante portare tutta la documentazione clinica in possesso, per una valutazione più precisa.